Ana Aragão: un racconto del futuro

Siamo arrivati all’anno 2050 (dopo Cristo) e il suolo del pianeta Terra è diventato invivibile perché il tempo è cambiato in un ciclo schizofrenico delirante.

We have reached the year 2050 (after Christ) and the soil of Planet Earth has become unlivable because the weather changed into a schizophrenic delirious cycle.

Leggi tutto

Benji Connell: Phantom City

Nato dalla rovina, una Città Fantasma; magazzino pieno di persone e rottami. Questo progetto artistico raffigura una visione distopica di un futuro immaginario.
Birthed from ruin, a Phantom City; warehouse full of people and scrap. This artwork depicts a dystopian vision of a fictional future. Humanity stands on the edge of extinction.

Leggi tutto

Tra arte e architettura: Massimiliano Ercolani

Massimiliano stesso afferma di utilizzare il proprio blog “per chiarirsi le idee”, una sorta di diario di bordo dei propri pensieri, i quali saranno utili per accompagnare lo sviluppo di progetti futuri. La trasversalità dei suoi riferimenti trova sostanza nell’operare e nelle ricerche di alcuni riferimenti del mondo architettonico, come Gaetano Pesce, di cui ammira il programma funzionale, al pari del compianto Eric Miralles, fondatore dello studio catalano EMBT.

Leggi tutto

Bea Martin: Topo[grafie] dell’Inconscio

Se le avanguardie artistiche e i rivoluzionari sociali hanno sentito una particolare affinità l’uno con l’altro, prendendo in prestito i rispettivi linguaggi e idee, sembra essere stato nella misura in cui entrambi sono rimasti impegnati nell’idea. L’ultima verità nascosta del mondo è che è qualcosa che facciamo e che potremmo fare altrettanto facilmente in modo diverso.
If artistic avant-gardes and social revolutionaries have felt a particular affinity for one another, borrowing each other’s languages and ideas, it appears to have been insofar as both have remained committed to the idea. The ultimate hidden truth of the world is that it is something that we make and could just as easily make differently.

Leggi tutto

Federico Bria: Un paesaggio del futuro

Quando mi è stato proposto di partecipare al talk intitolato Towards 2050 – Visions from 2050, all’interno della splendida cornice della XVII Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, ho avuto modo di riflettere molto sulla tematica di come potrebbe essere il nostro futuro.
When I was asked to join the talk Towards 2050 – Visions from 2050, whitin the fantastic setting of the Biennale di Architettura in Venice in 2021, I had the opportunity to think thoroughly how our future will be.

Leggi tutto